© 2016 Pentesilea Productions

July 14, 2017

December 14, 2016

September 14, 2016

Please reload

Post recenti

Il progetto Via Andanti - camerawomen sulla strada

May 25, 2018

1/3
Please reload

Post in evidenza

Una sfida al galoppo

September 14, 2016

Tutto ebbe inizio in un pomeriggio di primavera quando, nella mia vecchia camera a casa dei miei genitori,  mi ritrovai a sfogliare un volume sui miti greci. 

Non so se è anche per una questione di nomi - mio padre si chiama Ettore - ma da quelle storie mitiche e fantastiche sono sempre stata attratta.
Per caso mi ritrovai a leggere la vicenda di Pentesilea, indomita regina delle Amazzoni, vergine guerriera vincitrice di molte battaglie prima di essere sconfitta da Achille che, così narra il mito, se ne innamorò subito dopo averla uccisa.

 

E' stato un flash, un lampo. Mi sono immaginata coraggiose guerriere al galoppo, sprezzanti del contesto ostile in cui si avventuravano, sprezzanti del fatto che gli uomini contro cui combattevano erano, per natura, più forti. Loro avanzavano, unite. E unite vincevano.

E' così che mi è venuta l'idea di fondare Pentesilea Productions, dal motto che "l'unione fa la forza" . E quella Forza era già tutt'attorno a me, nelle persone - uomini e donne - che mi circondavano, che conducevano una vita al galoppo, nelle piccole cose, così come nelle grandi.

 

Fuor di metafora, ci sono poche cose che l'Uomo, concretamente, riesce a realizzare da solo. 
Un'idea può venire dal singolo, ma la concretezza, spesso, ha bisogno di un team. E una concretezza creativa ha bisogno di una squadra affiatata. 

Potrebbe sembrare un pensiero naif, se non fosse che la più grande verità sta quasi sempre nelle realtà più semplici e, a volte, scontate.

 

Pentesilea Productions è come una ragnatela che si espande. Anna, Teresa e Désirée sono amazzoni che con coraggio portano avanti progetti in cui credono. 

La scelta di essere quattro donne a muovere i primi passi di PP non è una mera questione di genere. Intelligenza e talento, per esempio, non si identificano certo col sesso di appartenenza.

E' una scelta dettata soprattutto dal fattore culturale, ovvero dal fatto che solo negli ultimi decenni donne normali, come noi (non ricche, non mogli di, non figlie di) hanno davvero la possibilità, se lo vogliono, di decidere che cosa fare, quali obiettivi realizzare e di scegliere di affermarsi in un settore prettamente maschile.

Non ci interessa rivendicare certo una superiorità di genere (che poi, sarebbe come voler rivendicare la superiorità di un coccodrillo su un ippopotamo, che significa?), anzi, ci interessa esattamente il contrario: creare una rete di sinergie a 360° tra persone appartenenti a diversi settori, tra creativi e tecnici, tra uomini e donne.

 

Tutto parte dalla consapevolezza. Io stessa ho dovuto attraversare monti, valli e foreste per arrivare fino a qua. Il mio viaggio non è ancora finito e spero non lo sarà per ancora molto tempo. 

Passo dopo passo ho percorso la mia strada professionale e, senza rendermene conto nel frattempo,  ho raggiunto obiettivi che mi ero prefissata. Oggi  sento che la strada da percorrere è ancora lunga, ma un pizzico di consapevolezza in più mi sussurra che volere è potere. A volte non c'è nemmeno bisogno di esserne consapevoli, perchè lo si sente dentro e basta.

 

Conosco molte ragazze e donne in gamba, con talenti da invidiare, troppo spesso preda di paure o della poca fiducia in se stesse. PP è anche un modo per dirvi: buttatevi! E non abbiate paura dei fallimenti e degli insuccessi, perchè un modo per superare gli ostacoli, trovare un'altra strada e riprovarci, si trova sempre.

 

Questa è una nuova avventura. Non so come andrà. L'unica cosa che so, adesso, è che vale la pena salire in sella e spingersi al galoppo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Seguici
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square